Quanto sarebbe bello se

Quanto sarebbe bello se… l’ estrusione rastremata (tapered) di una superfice nel menu SOLIDI funzionasse davvero.
Eviterei di maledire gli stampisti quando mi chiedono ( giustamente ) di sformare i nidi d’ ape di 2-3 gradi.
Ricordate il video di Alias postato qualche tempo fa’ ?

Ciao M@rio!

Ti ho messo il post su Rhino per Windows così lo vedono tutti.

Grazie Giuseppe

Dove diavolo era finito questo post ?

Nel frattempo lo ho postato anche su Serengeti , ed ho ricevuto risposte sia da Brian che da Pascal…ma non completamente risolutive , nel senso che dicono che il problema e’ conosciuto ma non c’e’ gnente da fa’ sigh!

…e molto bene hai fatto a postare pure li… repetita…
Lo sai che - da utente - i comandi di modellazione dovrebbero essere la prima cosa pure per me.

Ciao Mario.
… Meno male che non tutti i vecchi rhinofili del NG sono ‘scappati’ … :smiley:
Ho visto che Pascal ti ha gia’ proposto qualcosa …
Ci provo anch’io. Non so se ci troverai qualcosa di utile … comunque ti dico cosa ho provato a fare.
Niente di affidabile e automatico, purtroppo.
Solo un paio di script ausiliari per cercare di velocizzare la costruzione.
Qui ci sono gli script, poi provo a spiegarmi …

c5-offsetcurves.py (1.4 KB)

c5-customruled.py (2.2 KB)

c5-splitback.py (1.2 KB)

c5-basesurf.py (1.4 KB)

E qui c’e’ il 3dm

sample_4.7z (3.6 MB)

Cerco di ricordarmi il procedimento:

  • Estraggo il bordo della superficie forata
  • Lo proietto su un piano
  • Faccio l’offset delle curve proiettate, usando il primo script (molto rozzo, bisogna provare se il verso e’ giusto, se no cambi segno all’offset)
    Ho fatto uno script perche’ non ho trovato il modo di fare l’offset di un gruppo di curve … molto strano.
  • Estraggo la superificie base da quella forata, allego lo scriptino, che uso spesso. Serve solo a questo, ti disegna la superficie base data una superficie trimmata.
  • Ricavo la superficie a fine estrusione. (Qui ho usato un offset, ma credo ci volesse un copia, pazienza …)
  • Esplodo la curva offsettata e proietto il risultato sulla superficie fine estrusione.
  • Esplodo anche le curve di bordo della superficie forata originale.
  • Ora ho due gruppi di curve, quelle sulla superficie originale e quelle sulla superficie fine estrusione.
    Uso il secondo script per ricavare delle rigate con queste curve. Bisogna selezionare prima un gruppo di curve, lanci lo script, lui le acquisisce e le nasconde per farti selezionare il secondo pruppo di curve.
    Finita la selezione, dopo poco tempo lo script ti mostra le rigate.
    Lo script e’ lento perche’ non e’ ottimizzato per niente.
  • Ora con un Join unisco le curve proiettate sulla superficie fine estrusione e le uso per splittare la superficie stessa, Qui c’e’ un altro scriptino che uso di solito, permette di usare Split selezionando prima gli oggetto splittanti e poi quelli da splittare, in questi casi lo trovo comodo.
  • Dopo lo split ovviamente cancello le superfici che non servono
  • E infine unisco superficie originale, superficie fine estrusione, ora gia’ forata, e le rigate con un bel Join.

In questo caso particolare il risultato non e’ male, resta solo un punto da sistemare a mano.
Ovviamente in altri casi potrebbe andare tutto a rotoli.
E comunque la cosa non e’ automatica, ma richiede un certo lavoro.
( Anche se credo che avendo tempo si potrebbe mettere insieme qualcosa di meglio )
Inoltre in questo esempio ho semplificato le curve proiettate su piano e offsettate, sono cose da vedere caso per caso, data anche la personale esperienza con Rhino … al solito, se Rhino non lo smanetti un po’, non vai da nessuna parte … :wink:
Ma qui i maestri siete voi, tu, Giuseppe e tanti altri. io mi fermo. :smiley:

Ciao !

Ciao Emilio

Intanto grazie per gli script…che sicuramente mi saranno utili.
Ovviamente essendo “vecchi” utilizzatori della “bestia” ne conosciamo i limiti e riusciamo sempre in qualche modo a trovare una via d’ uscita.
Il motivo per cui ho sentito il bisogno di “lagnarmi” sul ng e’ per ricordare agli sviluppatori di Mcnell che prima di lanciarsi nello sviluppo di nuove mirabolanti features ( vedi la moda delle subdivision surface) sarebbe il caso di “completare” quelle che gia’ ci sono e che da sempre non funzionano come dovrebbero.

Non ho mai capito se il fatto di non porre rimedio a problemi tipo le tapered surface o i fillet, sia dovuto a mancanza di tempo, di personale o insormontabili problemi di natura matematica.

Personalmente se dovessi pensare che mi servono le subD mi rivolgerei a T-Spline , piuttosto che aspettare che Rhino possa raggiungere il livello di maturita’ necessario per essere uno strumento utilizzabile.

Aggiungo il mio personalissimo pensiero:
Rhino, Oggi, vende forte agli architetti mentre i designer si stanno rivolgendo sempre più a soluzioni tipo solidworks.
Detto questo, credo io, lo sviluppo sta derivano verso strumenti utili agli architetti tralasciando il resto.
C’è da dire che con lo shell è stato fatto un lavoro egregio.
Bob è sempre stato chiaro sul fatto che avrebbe sviluppato uno strumento sempre in direzione innovativa, lasciando spazio ai concorrenti sul “day by day”, ahimè.

Detto questo l’estrusione rastremata fa schifo!

Hehe … e’ un dubbio che accompagna anche me, e credo diversi altri, ormai da lungo tempo.
Piu’ o meno da quando abbiamo visto che usciva la versione 2 … poi la 3 … ma diverse cose che pensavamo fossero temporanei difetti di gioventu’ erano invece considerate, con nostro sommo sconcerto, come comandi maturi e consolidati che non richiedevano ulteriore sviluppo.

Personalmente non credo ci siano problemi insormontabili, almeno l’impressione e’ che quando McNeel si impegna a sviluppare una cosa ci riesce e anche bene, direi.
( Eccetto forse il caso delle toolbar ballerine, ma e’ da dimostrare che ci si siano impegnati a fondo :wink: )

Penso che ci siano certamente problemi di risorse, cioe’ pochi programmatori.
Seguendo il forum capita di leggere risposte in cui i programmatori stessi dicono di dover lavorare su piu’ fronti e quindi di non aver tempo per affrontare un certo problema.

Inoltre, come dice Riccardo, c’e’ sicuramente un problema (per noi) di aree di sviluppo.
McNeel parte come riveditore ACAD, e certo allora nessuno usava ACAD per fare stampi.
Quindi buon feeling con l’architettura, sebbene anche gli architetti si lamentino, vedi messe in tavole ecc.
E anche con il ramo navale, che suppongo a Seattle sia piuttosto sviluppato.
Gli stessi sviluppatori, a quanto sembra, in gran parte hanno una provenienza architettonica o navale.

La mia impressione e’ che in McNeel abbiano gia’ talmente tante cose da fare nell’ambito a loro noto che non vanno certo a vedere cosa serve agli utilizzatori di altre aree, anche perche’, comprensibilmente, sembrano esseri problemi di comunicazione con chi utilizza Rhino per scopi diversi da quelli ‘canonici’ (architettura ecc.)

Aggiungi il fatto che,a quanto dicono, gli sviluppatori hanno un certo grado di liberta’ nella scelta delle feature su cui lavorane (e qui non posso che essere d’accordo con Bob al 100 %, anzi gli faccio i complimenti ! ).
Per cui sviluppatori che capiscono di architettura o di navi non vanno certo ad impelagarsi con angoli di spoglia,‘addomesticamento’ di superfici importate, problemi di trim e fillet e altri cose per loro aliene.

Secondo me il lato brutto di questa situazione e’ che questo porta non solo a evitare lavori lunghi e difficili come potrebbe essere (forse, ma ho molti dubbi ) un FilletEdge piu’ potente, ma anche a trascurare molte piccole migliorie nei comandi, spesso solo problemi di interfaccia utente, che invece a molti di noi sarebbero enormemente utili.
Per cui continuiamo a combattere, come ai tempi di Rhino1, con comandi a volte scorbutici che fanno perdere un mucchio di tempo, solo per risolvere cose geometricamente banali …

Quanto all’estrusione con spoglia … in effetti supponevo che i workaround ‘alla Rhino’ li avessi gia’ trovati per conto tuo. :smiley:
… Ma, accodandomi alla tua ‘lagna’ ho voluto, ancora una volta, mostrare che se non c’e’ tempo per sviluppare un comando ultra-preciso e a prova di bomba, forse sarebbe il caso, nel frattempo, di imbastire qualcosa di piu’ rozzo, ma utile almeno in alcuni casi, anche senza troppe pretese sulla precisione …

Rhino (ultima elucubrazione poi smetto, promesso ! ) e’ un programma eccezionale se hai tempo di lavorarci con calma, di metterci un po’ tempo per alcune operazioni, di organizzare il file e tenere sotto controllo la geometrai e di farti tutti gli script che ti servono.
Puo’ invece assomigliare ad un incubo quando hai una fretta boia … e sappiamo come pensano di risolvere la crisi (almeo qui) : farti fare il doppio del lavoro in meta’ tempo …

Ciao !

1 Mi Piace

Voglio dire la mia. Provo una forte attrazione per Rhino, un desiderio strano di volerlo conoscere e utilizzare appieno, ma ho anche una sorta di sensazione di avere tra le mani qualcosa che non funziona, qualcosa che può essere utile per fare qualche formforminaD ma nulla di serio e professionale.
Aiutatemi a ricredermi.
Mi chiedo: se sto cercando di sviluppare un prodotto che potrebbe fruttarmi o se desidero un sw per disegnare e produrre oggetti con finalità di vendita non sarebbe meglio investire in qualcosa di più costoso, stabile e maturo quale il citato Solidworks, Alias,…? Volevo acquistare la licenza per disegnare le livree dei miei velivoli, ma temo di buttar via del denaro prezioso.
Ho provato a disegnare e stampare un aereo giocattolo per mio figlio e l’ho trovato estremamente laborioso e con risultati difettosi.
Considerate che di cad non sono asciutto, conosco bene Catia v5 e un po’ SolidEdge, Solidworks e Inventor di cui ho le licenze studenti per i miei studi di ingegneria meccanica.

Beh, visto che ci tieni … :smile: :smile:

Non so niente di aerei quindi per questo passo.
Sicuramente Rhino e’ molto usato in ambito commerciale. Personalmente come software hobbistico mi sembra anche un po’ costoso e complesso. E da quel che posso capire, e’ raro che nei forum appaia qualcuno che lo usa per diletto. Certo ci sono molti studenti, ma credo sia normale.

Se cerchi un CAD parametrico bello e pronto: Rhino non va bene.
Certo puoi organizzarti il progetto in modo da poterlo editare piu’ agevolmente e cose di questo genere, ma devi persarci tu.

Su difficolta’ e difetti del giocattolo che hai costruito …
Sicuramente altri software possono essere piu’ veloci, almeno entro certi limiti, cioe’ ci sono delle forme che altri costruiscono piu’ velocemente e agevolmente, ma credo che la procedura di costruzione sia piu’ vincolata.
Rhino lo puoi usare in molti modi diversi, anche per fare lo stesso oggetto. Individuare il modo piu’ comodo e veloce non e’ certo facile e immediato. Temo che per sfruttare Rhino a dovere ci voglia parecchia esperienza,
considerato anche il fatto che assomiglia poco agli altri.
Stesso discorso per l’accuratezza del risultato. Bisogna scegliere i comandi da usare e tener conto di alcune piccole cose che fanno la differenza tra un risultato valido e una schifezza inutilizzabile.
E questo lo considero un difetto di Rhino. Pero’ in generale non ci sono problemi di precisione, forse un certo comando puo’ non dare il risultato che ti aspetti, ma e’ un’altra cosa.

Solitamente chi vuole da Rhino cio’ che fanno SolidWorks e soci, resta deluso.
Rhino e’ piu’ versatile e flessibile (oltre che economico), meno ‘vincolato’ e allo stesso modo il risultato puo’ essere buono o cattivo a seconda dei casi.

Secondo me la facilita’ d’uso di Rhino e’ un po’ un mito: e’ facile giocarci, ma sfruttarlo a fondo e’ molto piu’ difficile.
D’altro canto se ti piace ‘smanettare’ col CAD, farti gli script, sperimentare, direi che Rhino e’ quello che ci vuole.
Lui ti impone pochi limiti … e puoi sempre cercare il modo di aggirarli … :wink:
Certo se invece lavori sempre di corsa allora dipende, in certi casi puo’ risultare molto frustrante.

Concorco sul fatto che Rhino dia una strana impressione all’uso.
Sembra perennemente incompiuto e imprevedibile.
Per usarlo senza troppi problemi bisogna imparare a conoscere i suoi limiti e le sue lacune (oltre che i suoi pregi) e comportarsi di conseguenza.
E’ fatto cosi’: e’ sviluppato totalmente ‘in casa’ da un gruppo ristretto di persone, che sono certamente in gamba ma ovviamente non fanno miracoli … anche se ci provano :smile:

Se accetti questa situazione, bene. Altrimenti credo convenga cercare altrove.

Quanto detto ovviamente e’ solo il mio umile parere personale.

Grazie Emilio.
Mi chiedo ancora: quale é l’ambito di utilizzo professionale? Gioielli? Architettura?
Quanto tempo si impiega a sviluppare un prodotto professionale?
Avete mai realizzato lo stesso prodotto con altri sw? E se questo costasse per 4 volte ma impiegaste 1/4 del tempo? Non sarebbe un investimento per il futuro?
Pensate a ciò che fate e immaginate di realizzare 4 oggetti allo stesso tempo con cui ne realizzate uno con Rhino…come vi sentireste?
Vi prego, non prendertela come una mancanza di rispetto nei confronti del presente forum, considerate la una sana provocazione finalizzata alla comprensione. Ho la possibilità di acquistare la licenza studenti, e questa é una gran cosa, ma desidero chiarimenti, esempi uso
di professionale e impieghi.
Tempo fa Riccardo mi passò il seguente link https://aircraftgeometrycodes.wordpress.com/airconics/ che ritengo molto interessante, ma lo script funziona male. Quando l’ho visto mi sono detto e vaaaai. … Mi piacerebbe vedere Rhino che funziona, ma non dopo 5 anni di studi,…mi sembra eccessivo.

Se il lavoro principale verte sulla meccanica, allora Rhino non e’ adatto, e’ meglio un parametrico-associativo.

Se invece si lavora sul design di un oggetto , allora la liberta’ che ti da’ Rhino e’ notevole.
Va da se’ che se usi male la liberta’ che Rhino ti concede ,i lavori risulterano delle schifezze.

Rhino appartiene alla categoria dei modellatori espliciti( niente vincoli , niente realazioni padre-figlio,niente parametri).

In un parametrico-associativo devi sapere gia’ in partenza che features intendi usare ( curve,superfici ecc…) e quindi non c’e’ molto spazio per le prove.

In Rhino puoi costruire una superfice che servira’ per crearne un altra , che servira’ per costruire un altra e… ecc…
Quando hai raggiunto l’ estetica desiderata puoi tranquillamente eliminare tutto cio’ che e’ servito per arrivare al risultato finale …senza perdere il risultato finale.

Rhino e’ la scelta giusta per chi deve dare una forma estetica ad un oggetto, questo il motivo che mi ha spinto ad affiancare a Pro/Engineer il nostro amato rinoceronte.

Se vuoi farti un idea di cosa si puo’ modellare con Rhino,puoi dare un occhiata ad un modello che ho fatto tempo fa’, poi andato in produzione.
Per ovvi motivi non ho messo le superfici su Grabcad.com ma solo un Stl.

https://grabcad.com/library/cross-helmet-1

1 Mi Piace

Se Rhino si é orientato ai comandi storia o a GH evidentemente la parametricità non é limite ma un vantaggio.

Non é nemmeno un vincolo, perché la superficie puoi sganciarla dalla storia.

Così ho fatto questo.

.
Con rhino sto lavorando a questo.

Comunque Mario, hai postato l’esempio che desideravo, grazie.
Un lavoro eccezionale, Bravissimo.
Quanto tempo hai impiegato? Hai usato Tsplines?
Solo rhino?..

La History di Rhino non e’ persistente , nel senso che una volta salvato il file, alla successiva apertura dello stesso le associazioni padre-figlio non esistono piu’.

GH non e’ integrato in Rhino ,da quanto mi risulta, io cmq non l’ ho mai trovato utile nel mio normale flusso di lavoro.

Riguardo al progetto che stai sviluppando con Rhino…come mai ti poni delle domande visto che sei arrivato a un buon livello del suo utilizzo ?

Solo Rhino per quanto riguarda le superfici estetiche e Pro/e per le parti meccaniche…niente T-spline.
Il tempo non e’ quantificabile in quanto l’ estetica ha subito varie revisioni, come sempre accade quando e’ il cliente colui che decide su tutto :frowning:

ED e’ qui che casca l’ asino… Con Rhino ho recuperato sempre cio’ che era recuperabile, avessi fatto l’estetica con Pro/e …mi sarei suicidato alla prima richiesta di modifica, nonostante lo usi sin dal 1995

2 Mi Piace

Mario di Rhino conosco pochi comandi e funzioni.
La parte anteriore, la capote, non avrei saputo farla da solo e soprattutto non mi riesce di mantenere la simmetria costante, i tagli non gli piacciono, se lo faccio ho problemi…insomma sarei nel lieto di essere tuo discepolo. :smile:
Se avessi un insegnante come te acquisterei la licenza.
GH sarà integrato.

Ciao Portanza.
A me non piace convincere. Anzi. Tendo a rispettare anche le prime impressioni.
Non ti offendere se lo dico…ma pensi “vecchio stile”. Indipendentemente da Rhino o non Rhino.
Mettere nella stessa discussione Rhino, Solidworks, Catia… + il classico concetto di “professionalità” legato al software è la prova.
Qui l’unica cosa “professionale” sono gli utenti. Con Mario…Lucio…Emilio…Riccardi vari ci conosciamo da anni e loro ci pagano le bollette con (anche con) Rhino.
Nella gioielleria non si deve avere a che fare con Reynold… CFD etc… ma le “formine” sono complicatine assai. E per stamparle in 3D tocca ch siano anche precise assai. Anche in questo caso la gente ci si paga le bollette. Da Tiffany in poi.
Nel navale siamo stati nel consorzio Oracle per la Coppa America come uno dei (tanti) fornitori di software.
Settori in cui la gente è seria e professionale.

Il fatto che tu conosca altri cad non solo non serve a niente ma anzi, complica la vita se non impari a usare un diverso strumento.
Forse conviene capire come funziona e poi giudicare. Eventualmente informarsi su chi lo usa e per fare cosa.
Diversamente si corre il rischio di valutare una cosa che non si conosce. Che non mi pare una grande condizione al contorno.

Nel dubbio:
aircraft

Dal nick forse conosci gli homebuilt americani e il loro sito principale.
homebuilt

Sei stato favoloso Giuseppe, grazie, la mia era una provocazione per trovare risposta ai miei dubbi.
Ciò che desidero vedere capire é se qualcuno “produce” qualcosa di serio in tempi ragionevoli.
Dal momento che Rhino volevo usarlo per le superfici e i raccordi vari, il secondo sito (che conoscevo) punta ad una discussione a me sconosciuta che a sua volta punta a questo http://betterlivingthroughcnc.com/2011/04/29/sheared-wingtips-in-t-splines/
Giuseppe che dire… GRAZIE INFINITE.
Peccato che ho licenza di prova scaduta e non posso più provare Tsplines.
Anche io come il tizio sono ossessionato dal disegno di velivoli :smile:
Prevedo di acquistare per Dicembre… ma non si può chiedere una proroga per usare rhino in quanto studente?

ps ho visto anche questi lavori… http://betterlivingthroughcnc.com/2011/06/01/l-39-wingtips/ questo sito è una miniera GRAZIE GRAZIE GRAZIE.
Spero di diventar bravo e poter disegnare aerei seri con Rhino.

Troppo gentile.
La passione per gli aerei la condividiamo allora.
Purtroppo non è possibile sbloccare la versione di valutazione se non con la chiave di licenza.Mannaggia…
Non è che in questo periodo riesci a usare un diverso computer? Potresti installare Rhino anche su questo.
Non ho idea se T-Splines sia disponibile in versione di valutazione.

Per diventare bravo impara tutto sulle curve. Il segreto è li… :stuck_out_tongue_winking_eye: