Vettori da immagine: punti di vista diversi sul modo di lavorare

Buondì, erano settimane che volevo fare questo post e me ne dimenticavo sempre :joy:

Dunque, il 90% delle volte disegno stemmi, loghi e simboli vari.

A volte li copio e altre li invento da zero, in amtrambi i casi c’è di mezzo un’immagine o un foglio dove ho abbozzato il tutto.

Il motivo di questo post è prendere spunto da tutti voi sul come fareste la stessa cosa ma diverso dal metodo che uso io.

Lo scopo è ottenere dei vettori per l’incisione.

I passaggi che faccio sono questi: prendo l’immagine e la copio punto per punto usando rhino.

IMMAGINE presa a caso

Prima usavo illustrator perché è “da quella scuola che arrivo” ma dopo aver provato le curve di rhino, impiego la metà del tempo.

All’inizio provavo a ricalcare l’immagine e ad estrarre i vettori ma il risultato è lo stesso che si ottiene caricando i FONT nuovi presi dal web: linee doppie, spezzate, pieni di punti di controllo.

Risultato: ci dovevo mettere le mani il doppio del tempo.

La filosofia è: pochi punti di controllo.

Ci sono altri metodi da poter usare oltre ai miei?

Buongiorno Giovanni,
io generalmente trovo comodo vettorializzare (ricalco immagine) l’immagine in Illustrator e poi modificarla in Rhino con i punti di controllo e magari semplificandola il più possibile. Rhino è insuperabile in questo. Ovviamente non ci sono soluzioni semplici, ma sempre olio di gomito.
Paolo

ciao Paolo, e non ti si spaccano i vettori?
Prepari l’immagine prima di vettorializzare in qualche modo?

Giovanni, Illustrator vettorializza da… sw vettoriale, scusa il gioco di parole, ma penso che renda il senso.
In pratica lo fa male e anche parecchio. Non sto a tediarti con le spiegazioni. Se proprio devi vettorializzare un logo, o un immagine, e non vuoi farlo con il ricalco dell’immagine in Rhino, qualche risultato migliore si ottiene dalla vettorializzazione con Inkscape (sw opensource gratuito). Diciamo che non è il massimo anche questo, ma vettorializza con meno Control Pt e con una logica di distribuzione dei Pt più umana rispetto a Illustrator.

è quello che fanno i sw vettoriali mediamente. E anche Rhino, per certi font grafici, ha gli stessi problemi a volte.

Disegnando loghi e font in Rhino per il taglio laser, per avere buoni risultati e velocemente, io uso prevalentemente Archi e Estendi (Crv con arco verso un Pt o mantenendo raggio) e unisco con BlendArc. Tutto più veloce e pulito, rispetto ai metodi di disegno con Crv per punti di controllo

Lìmmagine deve avere una buona definizione e campiture uniformi come ben saprai, però hai ragione è una gran rottura… :sweat_smile:

… devo provarlo inkscape… buona idea :wink:

1 Mi Piace

Grazie, provo con ink!

1 Mi Piace

ciao Paolo, se riesci ad ottenere un “Buon” risultato con Inkscape, se mi puoi far sapere come. . . .
spero che sia migliorato, perchè dalle ultime volte che l’ho usato (proprio quando ho iniziato a scrivere su questo forum ed è stata anche una delle mie prime domande) alla fine ho seguito i consigli ricevuti. :blush:

Ciao Giovanni, potresti provare con il plugin Rooster per Grasshopper, fa il tracing delle immagini e funziona molto bene. Lo trovi - come tutti gli add-on di Grasshopper - su food4rhino.com

Ciao Leopoldo, stavo per suggerirlo io.
E’ piuttosto spartano ma per alcuni lavori va benissimo, è immediato nell’utilizzo.

@MarcoTraverso
Ciao Marco, grazie per la dritta.
Sai che non uso molto GH ma lo proverò. :smiley:

Grazie a tutti, provo entrambi e poi porti i risultati!

Sì lo so :smiley:

In questo caso si tratta di usare solo un componente, il vantaggio con GH è vedere come cambia il risultato al variare dei (pochi) parametri.

In realtà anche Rooster si basa su un’implementazione di potracer, quindi probabilmente i risultati saranno analoghi alle altre soluzioni non-GH.